La sottile linea rossa

Forse il punto più alto del cinema di Terrence Malick: non un film di guerra in senso stretto ma un’opera filosofica sul Male insito nel Paradiso Terrestre di cui proprio la guerra è sintesi e summa. Grande affresco corale, con alcuni inserti di sapore elegiaco (il carteggio epistolare tra il personaggio interpretato da un intenso […]

Read More La sottile linea rossa

Scemo di guerra

Uno degli ultimi film risiani. Non eccezionale, nonostante le buone prove di Coluche (al suo ultimo film) e di un sorprendente Beppe Grillo, in un’interpretazione per una volta tanto non sopra le righe. Il problema del film, oltre a un finale assai debole è la mancanza di un tono uniforme: grottesco, comico, drammatico. Ottime le […]

Read More Scemo di guerra

La Belle Epoque

Buona idea di partenza, qualche volgarità evitabile, ottimo finale e interpreti. L’idea alla base del film è notevole: uno studio pubblicitario ricrea ambientazioni storiche ad uso e consumo dei clienti. Daniel Auteil, goffo, malandato, invecchiato fumettista ormai fuori da ogni giro, cerca di rivivere i bei momenti perduti con la Ardant, tornando indietro nel tempo […]

Read More La Belle Epoque

Lei mi parla ancora

Film senile sin dal titolo: è il classico film di Avati, affastellato di ricordi, confezionato in modo televisivo ancorché dignitoso. Tratto dal romanzo omonimo e autobiografico di Sgarbi padre, ha il piglio di uno sceneggiato televisivo a cui, ahinoi, non dà un gran contributo la coppia formata dagli anziani Pozzetto-Sandrelli e le loro controparti giovanili […]

Read More Lei mi parla ancora

Official Secrets

Onesto film di denuncia diretto dal Gavin Hood di Il suo nome è Tsotsi. Il film ripercorre la vicenda di una traduttrice britannica dipendente di servizi segreti inglesi e del suo tentativo di far circolare documenti top secret al fine di scongiurare la seconda guerra del Golfo. Ottimo cast e ambientazione, classico film a tesi […]

Read More Official Secrets

Joan Lui

Flop clamoroso di metà anni 80 e ultima regia di Celentano che firma anche sceneggiatura e (frenetico) montaggio. Visto da un certo punto di vista, è un’opera surreale e dadaista, a partire dal cast che mette insieme Gian, Sergio Vastano e la Mori, impareggiabile nella sequenza onirica della cascata. Va detto che il film fu […]

Read More Joan Lui

Il bambino e il poliziotto

Film gradevole diretto da Verdone a fine anni 80. La chimica tra i due protagonisti è notevole, così così i dialoghi e lo svolgimento assai telefonato. Verdone è lontano dalle vette registrate nella prima metà degli anni 80 anche se di lì a poco riuscirà a realizzare quello che da molti, noi compresi, è considerato […]

Read More Il bambino e il poliziotto

My Marlboro City

Continua la piccola retrospettiva che Sentieri dedica alla giovane e brava documentarista pugliese Valentina Pedicini. Dopo il bel, intenso doc Faith sui monaci cristiani Shaolin, la nostra collaboratrice Letizia Panesa ci parla di un altro documentario, uscito nel 2009, e ambientato nella città d’origine della regista, Brindisi. Fa uno strano effetto vedere un documentario immersivo […]

Read More My Marlboro City

Faith

Altro film “sentierista” in tutto e per tutto. È diretto dalla brava documentarista Valentina Peidicini, scomparsa ahinoi troppo presto e giovanissima, che con il suo solito stile immersivo già dimostrato nei lavori precedenti, ci porta a toccare con mano, a vivere la passione nella carne e nel sudore di un gruppo di strani monaci shaolin […]

Read More Faith