Hard Boiled

Quintessenza del cinema di John Woo e suo capolavoro indiscusso forse inferiore al precedente The Killer, più coeso dal punto di vista narrativo. È un capolavoro per montaggio, tensione, sequenze spettacolari, con numerose sequenze da antologia, in primis la lunghissima sequenza ambientata in ospedale dove succede di tutto di più, tra poliziotti sotto copertura, gangster […]

Read More Hard Boiled

Il Bi e il Ba

Primo e unico film da protagonista del grande Nino Frassico, genio del nonsense, amatissimo dalla crew di Sentieri che ne ha sempre apprezzato le qualità quando impegnato (e spesso, purtroppo, sottoutilizzato) come semplice spalla o caratterista in film mediocrissimi. Qui è mattatore a tutto tondo, diretto dal bravo Nichetti che conferisce al film, di stampo […]

Read More Il Bi e il Ba

Si vive una volta sola

Film sfortunatissimo, condannato a un sicuro oblio per l’emergenza Covid -19, l’ultimo film di Verdone rientra in uno di quei titoli medi che, pur senza eccellere né dal punto di vista della sceneggiatura, né dal punto di vista della prova attoriale, ha però qualche freccia al proprio arco. Innanzitutto la prova dell’anestesista Rocco Papaleo, tempi […]

Read More Si vive una volta sola

Lupo solitario

Ovvero The Indian Runner, secondo il titolo originale. Esordio alla regia per Sean Penn che dirige una sorta di rivisitazione moderna della vicenda di Caino e Abele, azzecca toni e atmosfere peraltro prese di peso dal cinema di Ashby e Cassavetes a cui il film è dedicato. Ma sbaglia almeno due interpreti su tre (la […]

Read More Lupo solitario

Justice League Snyder Cut

Forse non è quel capolavoro che i fan attendevano da quel nefasto 2017, quando cioè il povero Snyderr dovette abbandonare il film per le morte prematura della figlia Autumn (a cui questa versione Director’s Cut è dedicata, assieme alle note di Halleluja sul finale). Non è un capolavoro perché soffre di soliti difetti del regista […]

Read More Justice League Snyder Cut

Salvate il soldato Ryan

Film clamoroso, anche a distanza di anni. Per la tecnica sopraffina non concentrata semplicemente nello straordinario e lunghissimo incipit con i terribili momenti dello sbarco in Normandia ma diffusa un po’ ovunque, soprattutto nelle diverse sequenze d’azione. Hanks è straordinario, i comprimari funzionano. Solo su Damon, giovane e paffuto, si potrebbe obiettare qualcosa ma il […]

Read More Salvate il soldato Ryan

Raya e l’ultimo drago

59mo classico Disney che in realtà di classico ha ben poco, fatta eccezione per l’ambientazione fiabesca e i connotati anche psicologici di un’eroina che ci ricorda tanto Jasmine. Eppure l’ultimo film, uscito direttamente in streaming, è un’occasione persa, non tanti dal punto di vista tecnico e spettacolare, eccelso come per gli ultimi film della Casa […]

Read More Raya e l’ultimo drago

La sottile linea rossa

Forse il punto più alto del cinema di Terrence Malick: non un film di guerra in senso stretto ma un’opera filosofica sul Male insito nel Paradiso Terrestre di cui proprio la guerra è sintesi e summa. Grande affresco corale, con alcuni inserti di sapore elegiaco (il carteggio epistolare tra il personaggio interpretato da un intenso […]

Read More La sottile linea rossa

Scemo di guerra

Uno degli ultimi film risiani. Non eccezionale, nonostante le buone prove di Coluche (al suo ultimo film) e di un sorprendente Beppe Grillo, in un’interpretazione per una volta tanto non sopra le righe. Il problema del film, oltre a un finale assai debole è la mancanza di un tono uniforme: grottesco, comico, drammatico. Ottime le […]

Read More Scemo di guerra

La Belle Epoque

Buona idea di partenza, qualche volgarità evitabile, ottimo finale e interpreti. L’idea alla base del film è notevole: uno studio pubblicitario ricrea ambientazioni storiche ad uso e consumo dei clienti. Daniel Auteil, goffo, malandato, invecchiato fumettista ormai fuori da ogni giro, cerca di rivivere i bei momenti perduti con la Ardant, tornando indietro nel tempo […]

Read More La Belle Epoque